Navigazione veloce

ERASMUS + KA2

Progetto “(Un-)employed in Europe” Lincoln 12-19 novembre 2017

Dal 12 al 19 novembre scorso, una nuova sfida ha visto protagonista l’ITET “Giuseppe Tomasi di Lampedusa” di S. Agata di Militello, coinvolto nel progetto Erasmus+ KA2, partenariato strategico, che da due anni continua ad offrire agli studenti e docenti dell’Istituto una esperienza umana, didattica e culturale autenticamente positiva e straordinariamente innovativa, in stretta relazione con realtà diverse presenti in Europa.
Il secondo campus meeting del progetto “(Un-)employed in Europe” si è svolto a Lincoln, in Inghilterra. All’incontro hanno preso parte sei studentesse dell’I.T.E.T. G. Tomasi di Lampedusa di Sant’Agata di Militello, accompagnate dai docenti Antonina Piscitello e Benedetto Iraci, referente del progetto, assieme ad alcuni studenti della scuola coordinatrice tedesca Berufskolleg Werther Brucke in Wuppertal e del Lincoln College in Lincoln, Regno Unito.
Durante le sessioni di lavoro, la delegazione siciliana ha presentato i prodotti in power point precedentemente predisposti, Italians at work e Italian Labour Law, e si è cimentata nella simulazione dei colloqui di lavoro con i colleghi esteri per la selezione di personale da assumere nelle imprese virtuali create l’anno precedente in occasione della prima mobilità.  Tali imprese virtuali, in coerenza con gli indirizzi di studio e con le risorse naturali tipiche del territorio, hanno riguardato due compagnie di servizi: Fit and Eat (un ristorante – caffè i cui prodotti principali sono gli agrumi) e Sicilygo (un’agenzia turistica on line con lo scopo di promuovere i prodotti e le risorse locali tipiche del territorio del Parco dei Nebrodi).
Le alunne, Marina Kore Bartolo, Alessandra Messina, Maria Mirici Cappa, Martina Pruiti Ciarello, Rachele Babbalacchio Salvà e Aurora Santoro, hanno così avuto la grande opportunità di potenziare le loro competenze linguistiche in inglese, quale lingua veicolare del progetto, in lavori di gruppo, giochi linguistici di varia natura con i partner tedeschi e britannici, in particolare partecipando in modo propositivo alle diverse attività messe in atto dalla scuola organizzatrice della seconda  mobilità. Nel confronto con i coetanei inglesi e tedeschi, la presentazione dei lavori delle studentesse ha sortito numerosi apprezzamenti.
Durante la permanenza in terra britannica, degna di nota si è rivelata l’accoglienza da parte del sindaco nel municipio della città inglese alle delegazioni impegnate nel progetto Erasmus+. Inoltre, l’offerta culturale è stata molto interessante, grazie alle visite delle città di Lincoln, capoluogo della contea del Lincolnshire di cui costituisce il principale centro politico, storico e amministrativo e importante meta turistica  dal cuore antico mirabilmente conservato con la cattedrale di St Mary, uno dei massimi capolavori dello stile gotico inglese e il castello di Guglielmo I e York, famoso centro storico e turistico in cui domina la cattedrale di stile gotico, considerata la più grande del Nord Europa.
L’incontro si è svolto in un clima sereno, di cooperazione e d’entusiasmo all’insegna della socializzazione tra i ragazzi e il gruppo docente.
La partecipazione a questo progetto di portata europea si è rivelata un’esperienza esaltante e coinvolgente che ha prodotto un efficace consolidamento delle competenze e un arricchimento delle conoscenze, offrendo alle studentesse la possibilità di condividere la quotidianità intrisa di momenti impegnativi ed occasioni ludiche, di cogliere la bellezza dell’incontro, il dono dell’amicizia e l’opportunità della crescita personale e nello stesso tempo sentirsi parte di un’Europa unita al di là della propria cultura.
L’occasione di far parte di un partenariato strategico ha consentito all’Istituto di garantire ai giovani esperienze autentiche di apertura e inclusività nel contesto di una primavera europea senza precedenti.

Benedetto Iraci

  • Condividi questo post su Facebook