Navigazione veloce

ITET, SUCCESSO DEL CONVEGNO “ANNULLO IL BULLO”

COMUNICATO STAMPA

N.3 del 01/02/2019

Arrow
Arrow
Slider

 

ITET, SUCCESSO DEL CONVEGNO “ANNULLO IL BULLO”

 

Sant’Agata Militello – La sua diffusione del fenomeno del bullismo e cyberbullismo preoccupa le autorità scolastiche. L’ITET Tomasi G. di Lampedusa, in linea con la direttive ministeriali per prevenirlo e contrastarlo, ha organizzato in aula magna il convegno dal titolo “Annullo il Bullo“. Un evento finalizzato alla sensibilizzazione dei propri alunni nei confronti di un tipo di attacco continuo, ripetuto, offensivo e sistematico, attuato mediante anche gli strumenti della rete. Dopo i saluti e l’appello a comportamenti virtuosi e di denuncia della Ds Antonella Emanuele ad intervenire sono state le docenti Laura Antonella Barbera (criminologa) e Teresa Carrara, il Dott. Corrado Liotta e l’Avv. Massimiliano Fabio. Davanti ad un pubblico attento, a partecipare ai lavori sono stati anche i ragazzi dell’articolazione Sistema Moda (Carlo Castelli, Martina Lombardo, Jennifer Miracola, Hamsa Mazouf, Luca Digiandomenico, Giuseppe Moccia, Sofia Calabrese) che hanno creato un libretto fumettistico, che rappresenta alcuni comportamenti tipici dei violenti “bulli” in un contesto giovanile. Inoltre gli alunni hanno inscenato con l’alunna, nel ruolo di vittima, Serin Sayari, un’azione “violenta” con voce fuori campo. Le relazioni degli specialisti hanno spiegato le figure/attori del fenomeno: il violento, la vittima, il “gregario”, il testimone che si nasconde nel silenzio diventando connivente del fenomeno del bullismo. Quali sono le imputazione di reato e quali le tutele giuridiche previste sono stati gli argomenti a chiusura dell’evento coordinato dal docente e giornalista Simone Fogliani.  In Italia un ragazzino su due è vittima di episodi di bullismo. L’età a rischio è quella compresa fra 11 e i 17 anni, anche se il periodo più critico è fra 11 e 13: all’inizio parolacce e insulti, seguiti dalla derisione per l’aspetto fisico e poi, in 4 casi su cento, si arriva a botte, calci e pugni. È quanto emerge da uno studio dell’Istat. Un impegno dell’ITET Tomasi G. di Lampedusa di  prevenzione e cura verso i propri ragazzi sul tema del bullismo in stretta collaborazione con tutte le istituzioni e le famiglie degli alunni.

 

Ufficio Stampa

Sant’Agata Militello, 01/02/2019

 

  • Condividi questo post su Facebook