Navigazione veloce

L’ITET: VIA AL PROGETTO ERASMUS+ KA2

COMUNICATO STAMPA

 

N. 15 del 26 Novembre 2018

 

Cinque paesi coinvolti sul tema dell’acqua e sull’appagamento del sapere

 

Arrow
Arrow
PlayPause
Slider

 

Sant’Agata Militello – Sono cinque i paesi coinvolti nel progetto “As-tu soif?”, nell’ambito del programma Erasmus+ KA2, partenariati strategici per gli scambi tra scuole. L’ITET G. Tomasi di Lampedusa è la scuola scelta per l’attività di coordinamento tra le scuole di Francia, Germania, Slovacchia e Slovenia. Da qualche giorno il programma ha preso il via con la visita nel plesso santagatese, guidato dalla Dirigente Antonietta Emanuele, di otto docenti con i quali sono stati definite date, calendario, numero di mobilità, modalità di accoglienza delle delegazioni, divisione dei compiti e distribuzione dei costi. Nel corso del primo incontro gli alunni selezionati a partecipare a questo progetto hanno preso contatto con i docenti esteri presentando dei lavori, concernenti un power point di presentazione della nostra Nazione, due video sulla Sicilia e sulla città di S. Agata di Militello. A queste si aggiungono quelle personali delle alunne in lingua francese e inglese e la visualizzazione delle piattaforme eTwinning e padlet, nelle quali confluiranno tutti i lavori realizzati nel corso del progetto. Durante la permanenza in terra siciliana i coetanei francesi, tedeschi, slovacchi e sloveni hanno condiviso con docenti santagatesi la quotidianità, all’insegna di attività formative, di gustosi piatti tipici e bellezze di una terra che coniuga natura e cultura. Ampio spazio è stato dedicato alla scoperta di S. Agata di Militello, con al centro la tematica dell’acqua (visita del Cantiere nautico Cicirello, del porto e dei pescherecci, delle reti e degli attrezzi utilizzati nella pesca presso il magazzino della famiglia Gaglione e del Castello Gallego). Hanno suscitato inoltre molto interesse le escursioni a S. Marco d’Alunzio e Palermo ( Cattedrale, la Martorana, Piazza Politeama, Piazza Massimo, via Maqueda, via Vittorio Emanuele).

L’organizzazione è stata curata dai docenti di lingua francese e lingua inglese dell’istituto coordinati dal referente del programma prof. Benedetto Iraci.

Questo nuovo progetto di portata europea ha una durata biennale è incentrato sulla tematica dell’acqua, quale elemento naturale ed essenziale nella gastronomia. In diversi paesi europei, il suo uso è diverso, così come le sfide legate al suo sfruttamento, alla sua abbondanza o alla sua scarsità. Lo scopo del progetto del partenariato scolastico è quello di studiare e utilizzare l’acqua e le risorse associate per lavorare sulle abilità professionali legate alla gastronomia e al turismo.

Il progetto tratta il trema strategico di come eliminare la sete con sullo sfondo il rafforzamento delle relazioni interculturali, internazionali,migliorando le competenze delle lingue straniere.

L’Ufficio Stampa

  • Condividi questo post su Facebook